Privacy Policy "L'ho preso perché era in offerta" e altre storie della recessione - Suhrya

“L’ho preso perché era in offerta” e altre storie della recessione

Posted on
risparmio e budget nel 2022

Risparmio e budget nel 2022 sono temi più vitali che mai.
Non interessanti come la review di un rossetto ma probabilmente un po’ più rilevanti.
Io non so che rapporto abbiate voi con i soldi ma so quello che ho io.

Senza entrare nei dettagli della mia vita privata posso dirvi di aver vissuto periodi molto floridi e altri decisamente meno.
Momenti in cui potevo veramente comprare qualsiasi cosa desiderassi e altri in cui non potevo prendere nemmeno quello di cui avevo bisogno.
È da un po’ di tempo che ho una buona stabilità, data sia dal mio lavoro che dal sapere come gestire il denaro (più o meno).
Poi faccio battute sulle tasse e ok ma la verità è che non mi posso lamentare, nel mio quotidiano non mi manca nulla. Non solo il necessario ma anche il superfluo, ho due vacanze programmate, più vestiti trucchi scarpe ecc ecc di quante me ne possano servire. Insomma, sono fortunata.

Ironia della sorte: ci si sta abbattendo addosso un periodo nerissimo e il plurale è più collettivo che mai.
Non serve sicuramente che sia io a dirvi quanto sia pesante questo spettro delle bollette del gas, quanto sia difficile accendere la radio (in macchina prima di far partire un podcast evidentemente) e sentire i consigli degli esperti che vi porteranno a risparmiare ben 7 euro al mese, andare al supermercato e vedere che tutte le cose che siamo stati sempre abituati a comprare aumentano di prezzo ogni mese.

E ripeto: parto da una posizione di privilegio che riconosco di avere.

Ciò non toglie che io sia consapevole di quello che mi circonda e preoccupata per il futuro, come tutti.
Oltre a cercare di vivere il presente (come su suggerimento della mia psicologa -sarete contenti di sapere che ho iniziato la terapia eh-) a me aiuta parlarne.

Non parlarne per piangersi addosso e disperarsi e aumentare la preoccupazione, attenzione.
Mi aiuta parlarne con i miei amici e le mie amiche perché anche se è vero che parlare di soldi non è elegante è anche vero che vedere come tutti stiamo vivendo questo momento con tensione aiuta.

Mi aiuta normalizzare il dire, nei miei video svuota la spesa su instagram, “ehi, questa cosa l’ho presa perché era in offerta”.
Mi aiuta dire “Oh, avrei voluto prenderti un regalo più figo ma ho l’acconto delle tasse, mi rifaccio con quello di Natale”
Mi aiuta vivere secondo le mie possibilità economiche, senza dover dimostrare nulla a nessuno.
Non fraintendetemi, non sono diventata una campionessa di risparmio e non penso che rinuncerò a tutte le cose superflue della vita.
Non ho nessun consiglio per far magicamente durare di più il vostro budget: ieri pensavo di essere brava ad essere stata quasi sempre senza luce accesa sfruttando quella naturale per poi accorgermi di averne lasciata una accesa in mansarda tutto il giorno.

Insomma quello che voglio dire è: siamo tutti in questa situazione non facile. Tendenzialmente se state leggendo questo post siete comunque più fortunati di altri (perché avete un device e una connessione non perché mi leggete chiaramente) ma ciò non toglie che sia una gran rottura di palle vivere con lo spettro di una recessione sulla spalla.

Il mio suggerimento? Parlatene per sfogarvi senza che diventi qualcosa che vi soffoca, cercate di scherzarci quando possibile, dite ai vostri amici qual è il supermercato più conveniente e dove trovate le offerte. Sperando di uscirne, a un certo punto.

  • Share

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail rimane anonimo