Maria

Non ho praticamente mai accettato collaborazioni con siti che vendono abbigliamento, un po' perché non penso di vestirmi in modo particolarmente interessante e non ho uno stile unico e un po' perché prima parlavo esclusivamente di trucchi.
Però quando Femme Luxe mi ha proposto di ricevere alcuni capi di abbigliamento dopo una rapida occhiata al sito ho detto un enorme sì a gran voce.
Femme Luxe mi ricorda altri siti per me più noti e vende esattamente il tipo di vestiti che mi fanno impazzire, quello stile non esattamente elegantissimo da me non elegantemente rinominato da Turbozoccola.

Outfit da Quarantena e non proprio - Femme Luxe Haul

Maria

Non ho praticamente mai accettato collaborazioni con siti che vendono abbigliamento, un po' perché non penso di vestirmi in modo particolarmente interessante e non ho uno stile unico e un po' perché prima parlavo esclusivamente di trucchi.
Però quando Femme Luxe mi ha proposto di ricevere alcuni capi di abbigliamento dopo una rapida occhiata al sito ho detto un enorme sì a gran voce.
Femme Luxe mi ricorda altri siti per me più noti e vende esattamente il tipo di vestiti che mi fanno impazzire, quello stile non esattamente elegantissimo da me non elegantemente rinominato da Turbozoccola.

Inizia l'ultima parte dei post dedicati alla mia collezione di makeup.
Oggi c'è il primo a tema prodotti labbra, sezione che temevo di più e che pensavo mi avrebbe portato via veramente troppo tempo. Effettivamente ci ho messo un tot ma il mio animo leggermente ossessivo sta molto bene a sapere che gli ho fotografati tutti (a un certo punto la qualità delle immagini del blog migliorerà ma per queste che sono solo indicative dell'insieme facciamo finta di niente).
Quindi, matite labbra!

My Stash: Lip Pencil


Inizia l'ultima parte dei post dedicati alla mia collezione di makeup.
Oggi c'è il primo a tema prodotti labbra, sezione che temevo di più e che pensavo mi avrebbe portato via veramente troppo tempo. Effettivamente ci ho messo un tot ma il mio animo leggermente ossessivo sta molto bene a sapere che gli ho fotografati tutti (a un certo punto la qualità delle immagini del blog migliorerà ma per queste che sono solo indicative dell'insieme facciamo finta di niente).
Quindi, matite labbra!

I post più letti in assoluto sono quelli che riguardano il dating, nome più figo per descrivere la serie di articoli in cui parlo delle mie varie sfighe sentimentali.
Sarà perché mi seguono tanti single? Perché vi piace godere delle disgrazie altrui? Non saprei.
Pensavo che non avrei scritto altro a riguardo perché essendo chiusa in casa le mie esperienze sono piuttosto limitate, qualche match tinder che svanirà nel nulla quando potremo uscire di casa (sì lo so non potremo uscire mai più siamo destinati a morire soli chiusi dentro), il tentativo di mantenere alta l'attenzione con chi mi piace (tentativo fallimentare, che ti devo raccontare oltre ah sì oggi sono a casa?). Potrei considerare l'opzione di flirtare con il mio vicino di casa dal balcone ma penso abbia dai tre ai quattro figli e svariati animali domestici.
Sorprendentemente il venticinque aprile a seguito di due messaggi che potevano essere uno la fotocopia dell'altro -se non per qualche piccolo dettagio- ho trovato lo spunto giusto per scrivere qualcosa a riguardo e sono sicura ancora una volta di trovare il vostro supporto o quantomeno una bella pacca sulla spalla di solidarietà. Virtuale chiaramente che qua non si può fare nulla.

Il messaggio delle feste degli ex, i sensi di colpa, rimarremo single per sempre perché non ci si potrà spostare tra regioni


I post più letti in assoluto sono quelli che riguardano il dating, nome più figo per descrivere la serie di articoli in cui parlo delle mie varie sfighe sentimentali.
Sarà perché mi seguono tanti single? Perché vi piace godere delle disgrazie altrui? Non saprei.
Pensavo che non avrei scritto altro a riguardo perché essendo chiusa in casa le mie esperienze sono piuttosto limitate, qualche match tinder che svanirà nel nulla quando potremo uscire di casa (sì lo so non potremo uscire mai più siamo destinati a morire soli chiusi dentro), il tentativo di mantenere alta l'attenzione con chi mi piace (tentativo fallimentare, che ti devo raccontare oltre ah sì oggi sono a casa?). Potrei considerare l'opzione di flirtare con il mio vicino di casa dal balcone ma penso abbia dai tre ai quattro figli e svariati animali domestici.
Sorprendentemente il venticinque aprile a seguito di due messaggi che potevano essere uno la fotocopia dell'altro -se non per qualche piccolo dettagio- ho trovato lo spunto giusto per scrivere qualcosa a riguardo e sono sicura ancora una volta di trovare il vostro supporto o quantomeno una bella pacca sulla spalla di solidarietà. Virtuale chiaramente che qua non si può fare nulla.

Siamo all'ultima puntata dedicata al trucco occhi di questa serie di post sui trucchi della mia collezione.
Devo dire che se non ci fosse stata questa quarantena probabilmente non avrei mai trovato il tempo di fare le foto né di mettermi a guardare con attenzione tutto quello che ho sufficientemente a lungo per fare le considerazioni del caso, più o meno utili.
Oggi quindi parliamo di mascara.

My Stash: Mascara


Siamo all'ultima puntata dedicata al trucco occhi di questa serie di post sui trucchi della mia collezione.
Devo dire che se non ci fosse stata questa quarantena probabilmente non avrei mai trovato il tempo di fare le foto né di mettermi a guardare con attenzione tutto quello che ho sufficientemente a lungo per fare le considerazioni del caso, più o meno utili.
Oggi quindi parliamo di mascara.

Normalmente non mi piace litigare, sono accomodante, tendo a fare pace facilmente.
In questo periodo di lockdown quarantena whatever però ci sono tante tantissime cose che mi fanno letteralmente impazzire in questo periodo e perdo la pazienza molto più velocemente.
Il post di oggi non è per niente positivo e produttivo quindi non aspettatevi nulla di buono.
Dopo il discorso di ieri sera di Conte e un futuro che mi sembra sempre meno roseo e allegro l'umore è quello che è, vi dico solo che sono le 8:10, sto aggiornando questo post e per la prima volta da inizio quarantena sono ancora in pigiama e non mi sono allenata e non ho voglia di fare veramente nulla che non sia scuotere i pugni al cielo.
Se volete sfogarvi con me però sono pronta ad abbracciarvi.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: Cose che mi fanno incazzare


Normalmente non mi piace litigare, sono accomodante, tendo a fare pace facilmente.
In questo periodo di lockdown quarantena whatever però ci sono tante tantissime cose che mi fanno letteralmente impazzire in questo periodo e perdo la pazienza molto più velocemente.
Il post di oggi non è per niente positivo e produttivo quindi non aspettatevi nulla di buono.
Dopo il discorso di ieri sera di Conte e un futuro che mi sembra sempre meno roseo e allegro l'umore è quello che è, vi dico solo che sono le 8:10, sto aggiornando questo post e per la prima volta da inizio quarantena sono ancora in pigiama e non mi sono allenata e non ho voglia di fare veramente nulla che non sia scuotere i pugni al cielo.
Se volete sfogarvi con me però sono pronta ad abbracciarvi.
Oggi parliamo di palette di ombretti. Nella mia collezione sono trentaquattro, includendo anche quelle personalizzabili e i quad perché fare un altro post per le palette più piccole mi avrebbe mandata al manicomio verosimilmente.
Sono troppe? Sicuramente. Me ne basterebbero un terzo? Certo!
In mia difesa non ne compro veramente da anni. L'ultima che ho comprata è stata una di quelle in miniatura di Huda Beauty, un autoregalo dopo tantissimo tempo in cui non mi regalavo nulla. Ecco sono tornata a casa ed era completamente sfracellata, segno del destino perché ne ho troppe? Può darsi.

My Stash: Palette

Oggi parliamo di palette di ombretti. Nella mia collezione sono trentaquattro, includendo anche quelle personalizzabili e i quad perché fare un altro post per le palette più piccole mi avrebbe mandata al manicomio verosimilmente.
Sono troppe? Sicuramente. Me ne basterebbero un terzo? Certo!
In mia difesa non ne compro veramente da anni. L'ultima che ho comprata è stata una di quelle in miniatura di Huda Beauty, un autoregalo dopo tantissimo tempo in cui non mi regalavo nulla. Ecco sono tornata a casa ed era completamente sfracellata, segno del destino perché ne ho troppe? Può darsi.
La mia passione per i tatuaggi se mi seguite da un po' non è una novità. Ve ne ho parlato diverse volte negli anni e non è la prima volta che ho fatto una wishlist di tatuaggi, ne avevo fatta una due anni fa e la trovate qui.
Da quella lista ne ho spuntati due, non penso di aver voglia di farli vedere perché con gli anni mi rendo conto che voglio sempre di più farli solo per me stessa e vederli solo io come già vi avevo raccontato.
Oggi però vi faccio vedere qualche soggetto che mi attira particolarmente e che vorrei sulla mia pelle, possibilmente uno post quarantena.
Ho riscoperto pinterest nel 2020 e qui trovate un po' tutti i soggetti che mi piacciono.

Wishlist: Tattoos

La mia passione per i tatuaggi se mi seguite da un po' non è una novità. Ve ne ho parlato diverse volte negli anni e non è la prima volta che ho fatto una wishlist di tatuaggi, ne avevo fatta una due anni fa e la trovate qui.
Da quella lista ne ho spuntati due, non penso di aver voglia di farli vedere perché con gli anni mi rendo conto che voglio sempre di più farli solo per me stessa e vederli solo io come già vi avevo raccontato.
Oggi però vi faccio vedere qualche soggetto che mi attira particolarmente e che vorrei sulla mia pelle, possibilmente uno post quarantena.
Ho riscoperto pinterest nel 2020 e qui trovate un po' tutti i soggetti che mi piacciono.
Quando penso agli ombretti in crema mi viene in mente sempre la mia adorata amica E. che anni fa mi diceva che non li voleva acquistare perché le veniva ansia al pensiero che si seccassero. Beh, ha ragione.
Negli anni ne ho buttati veramente una marea ed è uno spreco assurdo. Amo molto l'effetto sulla palpebra e mi piace usarli come base per degli ombretti in polvere però penso che quando finirò o dovrò cestinarli cercherò di non farmi tentare e non ne prenderò altri.

My Stash: Creamshadow

Quando penso agli ombretti in crema mi viene in mente sempre la mia adorata amica E. che anni fa mi diceva che non li voleva acquistare perché le veniva ansia al pensiero che si seccassero. Beh, ha ragione.
Negli anni ne ho buttati veramente una marea ed è uno spreco assurdo. Amo molto l'effetto sulla palpebra e mi piace usarli come base per degli ombretti in polvere però penso che quando finirò o dovrò cestinarli cercherò di non farmi tentare e non ne prenderò altri.
Sì, ancora prodotti finiti.
Non mi capacito di come io non abbia ancora terminato una crema corpo considerando che ne sto usando veramente quantità spaventose -per i miei standard- ma aspetto quel giorno con ansia.
Non ho terminato moltissimo ma sono comunque piuttosto soddisfatta.
Sto facendo tante tante maschere viso quindi penso che finirò a breve anche quelle ma vediamo.

Empties! -63-

Sì, ancora prodotti finiti.
Non mi capacito di come io non abbia ancora terminato una crema corpo considerando che ne sto usando veramente quantità spaventose -per i miei standard- ma aspetto quel giorno con ansia.
Non ho terminato moltissimo ma sono comunque piuttosto soddisfatta.
Sto facendo tante tante maschere viso quindi penso che finirò a breve anche quelle ma vediamo.
Un altro post sulla mia collezione makeup, vi assicuro  che prima o  poi finiranno,  manca meno di q uello che pensiate.
Oggi parliamo dei miei ombretti in polvere mono -con  qualche duo perché non volevo metterli nel post sulle palette-.
Se vi sembrano tanti -e lo sono, specialmente considerando quanti colori ho anche nelle palette- sappiate che prima ne  avevo veramente molti, troppi di più.
Non compro ombretti  mono da anni però, grande soddisfazione.  Ne ho moltissimi  di Nabla ma li ho messi nelle loro palette magnetiche, quindi li considero  come palette. Informazione molto interessante, mi rendo conto.

My Stash: Mono Eyeshadow

Un altro post sulla mia collezione makeup, vi assicuro  che prima o  poi finiranno,  manca meno di q uello che pensiate.
Oggi parliamo dei miei ombretti in polvere mono -con  qualche duo perché non volevo metterli nel post sulle palette-.
Se vi sembrano tanti -e lo sono, specialmente considerando quanti colori ho anche nelle palette- sappiate che prima ne  avevo veramente molti, troppi di più.
Non compro ombretti  mono da anni però, grande soddisfazione.  Ne ho moltissimi  di Nabla ma li ho messi nelle loro palette magnetiche, quindi li considero  come palette. Informazione molto interessante, mi rendo conto.

Siamo pieni di  frasi  motivazionali che ci spingono ad uscire dalla nostra comfort zone, io le salvo sempre su  pinterest annuendo. 
In questo periodo però rifugiarci nella nostra zona sicura, in quello che ci fa star bene, è un ottimo modo per arrivare a fine giornata sani.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: Comfort Zone


Siamo pieni di  frasi  motivazionali che ci spingono ad uscire dalla nostra comfort zone, io le salvo sempre su  pinterest annuendo. 
In questo periodo però rifugiarci nella nostra zona sicura, in quello che ci fa star bene, è un ottimo modo per arrivare a fine giornata sani.
Questo viaggio alla scoperta del mio stash per me si sta rivelando molto utile. Nel momento in cui vi scrivo ho finito di fare le mie brutte foto e ho una visione d'insieme di tutto quello che ho. Vi riservo le considerazioni finali per un post conclusivo però diciamo che ecco pensavo peggio.
Oggi affrontiamo il secondo argomento relativo al trucco occhi, parlando di eyeliner. 
Siete molto emozionate, lo so.

My Stash: Eyeliners

Questo viaggio alla scoperta del mio stash per me si sta rivelando molto utile. Nel momento in cui vi scrivo ho finito di fare le mie brutte foto e ho una visione d'insieme di tutto quello che ho. Vi riservo le considerazioni finali per un post conclusivo però diciamo che ecco pensavo peggio.
Oggi affrontiamo il secondo argomento relativo al trucco occhi, parlando di eyeliner. 
Siete molto emozionate, lo so.


Questo è un periodo di MERDA.
Sono stufa di leggere e scrivere periodo delicato, momento difficile, giorno complessi. La verità è che questo periodo fa schifo, per alcuni più e per alcuni meno.
Io sono in una condizione di privilegio enorme eppure mi fa S C H I F O.
Detto ciò, dobbiamo affrontarlo in qualche modo giusto? Uno dei metodi più suggeriti da gente che ne capisce più di me è quello di creare una routine e di rispettarla.
Non è detto che funzioni per tutti ma io sono già normalmente una creatura molto noiosa e abitudinaria e sì, per me è una manna dal cielo.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: La mia routine dei sogni



Questo è un periodo di MERDA.
Sono stufa di leggere e scrivere periodo delicato, momento difficile, giorno complessi. La verità è che questo periodo fa schifo, per alcuni più e per alcuni meno.
Io sono in una condizione di privilegio enorme eppure mi fa S C H I F O.
Detto ciò, dobbiamo affrontarlo in qualche modo giusto? Uno dei metodi più suggeriti da gente che ne capisce più di me è quello di creare una routine e di rispettarla.
Non è detto che funzioni per tutti ma io sono già normalmente una creatura molto noiosa e abitudinaria e sì, per me è una manna dal cielo.

Qualche giorno fa vi ho parlato delle cose che ho imparato a fare con calma in questo periodo in cui tutto sembra essersi fermato.
Ho aggiunto un'altra pratica ultimamente ed è una di quelle buone abitudini che vorrei aver preso prima.
Oggi parliamo di dry brushing, che dirlo in inglese fa più figo di dire spazzolamento che poi ci sentiamo un po' cavalli.

Let's Talk: Dry Brushing


Qualche giorno fa vi ho parlato delle cose che ho imparato a fare con calma in questo periodo in cui tutto sembra essersi fermato.
Ho aggiunto un'altra pratica ultimamente ed è una di quelle buone abitudini che vorrei aver preso prima.
Oggi parliamo di dry brushing, che dirlo in inglese fa più figo di dire spazzolamento che poi ci sentiamo un po' cavalli.
Abbiamo finito i prodotti per il viso, ci potete credere? Oggi iniziamo a parlare di quelli per gli occhi.
Truccare gli occhi mi piace moltissimo, benché io non abbia chissà che capacità.
Per anni il mio trucco distintivo era composto da chili di matita nera nella rima interna e chili di eyeliner -storto- sopra.
Con gli anni ho imparato a cavarmela un po' di più ma ecco, non sono una maga a sfumare e non lo sarò mai.
Faccio molto fatica a vedermi senza matita nera nella rima interna, mi sembra di essere un pesce lesso. Quindi oggi parliamo proprio di matite!

My Stash: Eye Pencils

Abbiamo finito i prodotti per il viso, ci potete credere? Oggi iniziamo a parlare di quelli per gli occhi.
Truccare gli occhi mi piace moltissimo, benché io non abbia chissà che capacità.
Per anni il mio trucco distintivo era composto da chili di matita nera nella rima interna e chili di eyeliner -storto- sopra.
Con gli anni ho imparato a cavarmela un po' di più ma ecco, non sono una maga a sfumare e non lo sarò mai.
Faccio molto fatica a vedermi senza matita nera nella rima interna, mi sembra di essere un pesce lesso. Quindi oggi parliamo proprio di matite!

There's a folder of pictures I can't open.
There's so many songs that don't sound the same.
There's a number I can't dial and a message I can't send.
There's a restaurant I can't eat at, not with any friends.
There's words and names I can only say in my head.
There's a pair of eyes that belong to you, that I can never look into again.

The Missing Machine - Iain S. Thomas

My (almost but not quite) Quarantine Cronichles: Little Things I Miss


There's a folder of pictures I can't open.
There's so many songs that don't sound the same.
There's a number I can't dial and a message I can't send.
There's a restaurant I can't eat at, not with any friends.
There's words and names I can only say in my head.
There's a pair of eyes that belong to you, that I can never look into again.

The Missing Machine - Iain S. Thomas
Penso di aver smesso di stare dietro a tutte le uscite -in edizione limitata e non- del mondo del makeup più o meno quando è scoppiata la mania per gli illuminanti. Prima non sapevamo cosa fossero? Non li usavamo? Non mi ricordo.
È un elemento del trucco che mi piace, non fraintedetemi. Non sento però il bisogno di usare quelli iper visibili, non mi piacciono la maggior parte di quelli che vanno super di moda.
Forse perché sto invecchiando? Chi può dirlo!
Quindi sì, la puntata di oggi del viaggio all'interno della mia collezione di troppi trucchi parla di illuminanti.

My Stash: Highlighters

Penso di aver smesso di stare dietro a tutte le uscite -in edizione limitata e non- del mondo del makeup più o meno quando è scoppiata la mania per gli illuminanti. Prima non sapevamo cosa fossero? Non li usavamo? Non mi ricordo.
È un elemento del trucco che mi piace, non fraintedetemi. Non sento però il bisogno di usare quelli iper visibili, non mi piacciono la maggior parte di quelli che vanno super di moda.
Forse perché sto invecchiando? Chi può dirlo!
Quindi sì, la puntata di oggi del viaggio all'interno della mia collezione di troppi trucchi parla di illuminanti.

Io sapevo benissimo di non saper fare da mangiare anche prima di questa quarantena. Però sono moderatamente fiera di me perché mi sono sforzata minimamente per cercare di creare qualcosa di commestibile e non affidarmi a pasti pronti che farebbero inorridire mia mamma. 
Non vi mentirò dicendo che sono diventata una cuoca provetta perché alcune cose avrei preferito digiunare che mangiarle ma sicuramente mi è venuta nostalgia di un sacco di posti dove mangio molto bene.
Sto scrivendo un post al giorno e mi rendo conto che i post siano piuttosto random ma per me è veramente terapeutico mettermi qui e scrivere. Insomma se vi state chiedendo cosa non vedo l'ora di mangiare ma più che altro dove non vedo l’ora di andare a mangiare questo è il post che fa per voi (lo leggerà giusto mia madre).

Wishlist: Food I'd like to eat


Io sapevo benissimo di non saper fare da mangiare anche prima di questa quarantena. Però sono moderatamente fiera di me perché mi sono sforzata minimamente per cercare di creare qualcosa di commestibile e non affidarmi a pasti pronti che farebbero inorridire mia mamma. 
Non vi mentirò dicendo che sono diventata una cuoca provetta perché alcune cose avrei preferito digiunare che mangiarle ma sicuramente mi è venuta nostalgia di un sacco di posti dove mangio molto bene.
Sto scrivendo un post al giorno e mi rendo conto che i post siano piuttosto random ma per me è veramente terapeutico mettermi qui e scrivere. Insomma se vi state chiedendo cosa non vedo l'ora di mangiare ma più che altro dove non vedo l’ora di andare a mangiare questo è il post che fa per voi (lo leggerà giusto mia madre).
Continua il nostro viaggio nel mio stash.
Oggi parliamo di bronzer, una delle categorie di prodotti che probabilmente viene meno usata da me da sempre.
Non sono mai stata una fan dell'abbronzatura ad ogni costo (anche se in questi giorni sto diverso tempo sdraiata al sole ma questo lo faccio per il mio benessere mentale) e quindi nemmeno dei prodotti che la simulano.
Negli ultimi tempi però ho ricominciato ad apprezzare i bronzer, forse anche perché non mi sembra di avere un colorito particolarmente vivo e quindi mi aiutano a simulare.

My Stash: Bronzer

Continua il nostro viaggio nel mio stash.
Oggi parliamo di bronzer, una delle categorie di prodotti che probabilmente viene meno usata da me da sempre.
Non sono mai stata una fan dell'abbronzatura ad ogni costo (anche se in questi giorni sto diverso tempo sdraiata al sole ma questo lo faccio per il mio benessere mentale) e quindi nemmeno dei prodotti che la simulano.
Negli ultimi tempi però ho ricominciato ad apprezzare i bronzer, forse anche perché non mi sembra di avere un colorito particolarmente vivo e quindi mi aiutano a simulare.

Eleanor Oliphant is completely fine
di Gail Honeyman

Questo è un libro che ho letto in mezza giornata sul terrazzo, al momento ho riscoperto le gioie di prendere il sole e con internet che qui non va tantissimo non posso bloccarmi su Netflix per delle ore. Meglio così devo dire, sono felice di passare del tempo tra i libri che rimangono uno dei miei amori più grandi della mia vita.
Sto rileggendo libri che ho letto mille volte ma anche leggendo quelli che avevo abbandonato nella libreria da mesi, questo è uno di quelli .
Eleanor Oliphant is completely fine è un libro che non sono sicura che mi sia piaciuto del tutto.

Books: Eleanor Oliphant is completely fine


Eleanor Oliphant is completely fine
di Gail Honeyman

Questo è un libro che ho letto in mezza giornata sul terrazzo, al momento ho riscoperto le gioie di prendere il sole e con internet che qui non va tantissimo non posso bloccarmi su Netflix per delle ore. Meglio così devo dire, sono felice di passare del tempo tra i libri che rimangono uno dei miei amori più grandi della mia vita.
Sto rileggendo libri che ho letto mille volte ma anche leggendo quelli che avevo abbandonato nella libreria da mesi, questo è uno di quelli .
Eleanor Oliphant is completely fine è un libro che non sono sicura che mi sia piaciuto del tutto.
Io piango sempre. Specifichiamo, non passo le giornate a piangere ma mi commuovo facilmente.
In questo periodo di notizie orrende però -che arrivano dai social, dalle notizie sui telegiornali e dalle persone vicino a me- per la prima volta nella mia vita faccio fatica a piangere.
Ho praticamente sempre il magone però, sono lì con il cuore in gola e mi viene tanto da piangere ma cavoli non ci riesco.
Ci sono però una serie di video che riescono SEMPRE  a farmi singhiozzare e a farmi sentire quasi meglio dopo, almeno sfogata ecco. Poi non dura molto però ecco, okay.
Chi l'avrebbe detto che avrei scritto un post su quello che mi fa piangere, che strani tempi amici.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: Cry Baby, Cry Baby, Cry Baby

Io piango sempre. Specifichiamo, non passo le giornate a piangere ma mi commuovo facilmente.
In questo periodo di notizie orrende però -che arrivano dai social, dalle notizie sui telegiornali e dalle persone vicino a me- per la prima volta nella mia vita faccio fatica a piangere.
Ho praticamente sempre il magone però, sono lì con il cuore in gola e mi viene tanto da piangere ma cavoli non ci riesco.
Ci sono però una serie di video che riescono SEMPRE  a farmi singhiozzare e a farmi sentire quasi meglio dopo, almeno sfogata ecco. Poi non dura molto però ecco, okay.
Chi l'avrebbe detto che avrei scritto un post su quello che mi fa piangere, che strani tempi amici.

Continua il viaggio nel mio stash di makeup, molto emozionante mi rendo conto.
Oggi parliamo di blush o fard che dir si voglia. Anni fa avevo una vera e propria passione per questa categoria di prodotti, la mia collezione era notevolmente più fornita ma ne ho regalati tantissimi perché insomma, ho solo una faccia. Con il tempo mi sono resa conto che diverse volte salto questo passaggio mentre invece non salto mai la fase contouring. In questi giorni di quarantena sto giocando un po' di più con il trucco e mi rendo conto che sì, forse dovrei metterlo ogni volta.
Non parlerò di ogni singolo prodotto perché se no dovrei tenervi qua per ore e immagino abbiate di meglio da fare, fosse anche solo sistemare il cassetto delle mutande. 

My Stash: Blush


Continua il viaggio nel mio stash di makeup, molto emozionante mi rendo conto.
Oggi parliamo di blush o fard che dir si voglia. Anni fa avevo una vera e propria passione per questa categoria di prodotti, la mia collezione era notevolmente più fornita ma ne ho regalati tantissimi perché insomma, ho solo una faccia. Con il tempo mi sono resa conto che diverse volte salto questo passaggio mentre invece non salto mai la fase contouring. In questi giorni di quarantena sto giocando un po' di più con il trucco e mi rendo conto che sì, forse dovrei metterlo ogni volta.
Non parlerò di ogni singolo prodotto perché se no dovrei tenervi qua per ore e immagino abbiate di meglio da fare, fosse anche solo sistemare il cassetto delle mutande. 

Sto vivendo questa quarantena in una condizione di incredibile privilegio.
Perché non devo mettermi a rischio, perché mi viene chiesto di stare solo a casa e per quanto mi pesi sono sicuramente molto più fortunata di tante, troppe altre persone.
Ero fortunata -e me lo ripetevo anche se mi lamentavo!- anche quando ero a Lugano lontana dai miei, dal mio cane, in uno spazio mini e con mio fratello con cui a breve ci saremmo sgozzati, figuriamoci ora che sono a casa dei miei con un terrazzo enorme, tutte le mie cose e la prospettiva di un giardino appena finirò l'autoisolamento preventivo in mansarda.
Però non è comunque facile, nonostante l'innegabile privilegio. Quando sento i miei amici la cosa che ripeto loro più spesso è "piano piano". Non sappiamo quando finirà, come saremo noi quando usciremo. Non possiamo mettere fretta a nessuno e nemmeno a noi stesi. Piano piano.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: Piano piano


Sto vivendo questa quarantena in una condizione di incredibile privilegio.
Perché non devo mettermi a rischio, perché mi viene chiesto di stare solo a casa e per quanto mi pesi sono sicuramente molto più fortunata di tante, troppe altre persone.
Ero fortunata -e me lo ripetevo anche se mi lamentavo!- anche quando ero a Lugano lontana dai miei, dal mio cane, in uno spazio mini e con mio fratello con cui a breve ci saremmo sgozzati, figuriamoci ora che sono a casa dei miei con un terrazzo enorme, tutte le mie cose e la prospettiva di un giardino appena finirò l'autoisolamento preventivo in mansarda.
Però non è comunque facile, nonostante l'innegabile privilegio. Quando sento i miei amici la cosa che ripeto loro più spesso è "piano piano". Non sappiamo quando finirà, come saremo noi quando usciremo. Non possiamo mettere fretta a nessuno e nemmeno a noi stesi. Piano piano.

Prodotti finiti!
In questa quarantena o state consumando chili di creme e maschere viso o ne state comprando altre quando andate a fare la spesa come stress relief.
Io anche se non comprassi più nulla sarei a posto, sia per il makeup che per la skincare. Sono tristemente sprovvista di scrub sia corpo che viso ma me la sto cavando egregiamente facendoli in casa -niente di particolare, giro due ingredienti in un contenitore praticamente-.
Come vi ho raccontato in qualche post fa io continuo a truccarmi, un po' anche perché mi aiuta a essere più costante con la skincare. Rischio a un certo punto di finire lo struccante di cui temo di non avere scorta ma poi ci pensiamo.

Empties! -62-


Prodotti finiti!
In questa quarantena o state consumando chili di creme e maschere viso o ne state comprando altre quando andate a fare la spesa come stress relief.
Io anche se non comprassi più nulla sarei a posto, sia per il makeup che per la skincare. Sono tristemente sprovvista di scrub sia corpo che viso ma me la sto cavando egregiamente facendoli in casa -niente di particolare, giro due ingredienti in un contenitore praticamente-.
Come vi ho raccontato in qualche post fa io continuo a truccarmi, un po' anche perché mi aiuta a essere più costante con la skincare. Rischio a un certo punto di finire lo struccante di cui temo di non avere scorta ma poi ci pensiamo.


Prima della quarantena ho conosciuto un uomo che mi piace davvero, cosa che non accadeva da così tanto tempo che quasi non ho capito bene che strane emozioni stessi provando. Ma proprio immediatamente prima, con il solito pessimo tempismo caratteristico della mia vita che mi fa pensare di essere particolarmente antipatica a qualche divinità.
Il post di oggi non parla di quello che -non- c’è stato tra di noi perché non sarebbe rispettoso nei suoi confronti anche se non mi legge ma nemmeno nei miei, questa non è la colonna di Carrie in SATC e io ormai metto solo sneakers e niente tacchi.
Il post di oggi parla di come il passato ci incasini il presente e di come camminare sulle uova sia inutile e forse è meglio prenderle e lanciarle contro dei vetri.

Aspettative, esclusività e disastri annunciati



Prima della quarantena ho conosciuto un uomo che mi piace davvero, cosa che non accadeva da così tanto tempo che quasi non ho capito bene che strane emozioni stessi provando. Ma proprio immediatamente prima, con il solito pessimo tempismo caratteristico della mia vita che mi fa pensare di essere particolarmente antipatica a qualche divinità.
Il post di oggi non parla di quello che -non- c’è stato tra di noi perché non sarebbe rispettoso nei suoi confronti anche se non mi legge ma nemmeno nei miei, questa non è la colonna di Carrie in SATC e io ormai metto solo sneakers e niente tacchi.
Il post di oggi parla di come il passato ci incasini il presente e di come camminare sulle uova sia inutile e forse è meglio prenderle e lanciarle contro dei vetri.

Continua la mia serie di post sui prodotti della mia collezione. Sto cercando di farlo con ordine, oggi iniziamo a parlare di polveri viso per completare il discorso della base.
In questo post vi parlo di quello che utilizzo per il contouring e nei prossimi giorni parleremo di blush, bronzer e illuminanti.
Per me il contouring è veramente una parte del mio trucco di tutti i giorni, a volte super leggero e quando invece mi trucco di tutto punto ci vado giù pesante con un santino delle Kardashian davanti.
Ne sono innamorata da anni, ve ne avevo già parlato qui, e la passione non mi è passata.

My Stash: Contouring Products


Continua la mia serie di post sui prodotti della mia collezione. Sto cercando di farlo con ordine, oggi iniziamo a parlare di polveri viso per completare il discorso della base.
In questo post vi parlo di quello che utilizzo per il contouring e nei prossimi giorni parleremo di blush, bronzer e illuminanti.
Per me il contouring è veramente una parte del mio trucco di tutti i giorni, a volte super leggero e quando invece mi trucco di tutto punto ci vado giù pesante con un santino delle Kardashian davanti.
Ne sono innamorata da anni, ve ne avevo già parlato qui, e la passione non mi è passata.
Qualche giorno fa mi sono infilata in una discussione veramente poco piacevole su twitter. È una cosa che non mi succede quasi mai, non tanto perché io non abbia opinioni spesso impopolari ma perché tendo a farmi gli affari miei. Si vede che il clima della quarantena però mi ha dato la testa e sono sicuramente molto meno paziente del solito e quindi sono impazzita. 
Senza annoiarvi a morte: è nato tutto dalla foto di un nuovo eyeliner postato da una ragazza che seguo, io l'ho commentata, un'altra ancora ha commentato che siamo delle incoscienti a incoraggiare le persone a comprare data la situazione (innegabilmente) tragica che sta vivendo il mondo in questo momento.
Da lì la discussione è ovviamente degenerata e io se avessi avuto degli orecchini me li sarei tolti.
Siamo ovviamente anche arrivati al solito discorso sempre attuale per cui se ti trucchi non devi essere una cima ma io di quello ho già parlato anni fa e non voglio ripetermi e annoiarvi.
Oggi però vorrei parlarvi del makeup 😃😃😃 in quarantena 😐😐😐 (citazioni per pochi). Pronte? Via.

My (almost but not quite) Quarantine Chronicles: Possiamo truccarci? Possiamo parlare di rossetti? Siamo insensibili?

Qualche giorno fa mi sono infilata in una discussione veramente poco piacevole su twitter. È una cosa che non mi succede quasi mai, non tanto perché io non abbia opinioni spesso impopolari ma perché tendo a farmi gli affari miei. Si vede che il clima della quarantena però mi ha dato la testa e sono sicuramente molto meno paziente del solito e quindi sono impazzita. 
Senza annoiarvi a morte: è nato tutto dalla foto di un nuovo eyeliner postato da una ragazza che seguo, io l'ho commentata, un'altra ancora ha commentato che siamo delle incoscienti a incoraggiare le persone a comprare data la situazione (innegabilmente) tragica che sta vivendo il mondo in questo momento.
Da lì la discussione è ovviamente degenerata e io se avessi avuto degli orecchini me li sarei tolti.
Siamo ovviamente anche arrivati al solito discorso sempre attuale per cui se ti trucchi non devi essere una cima ma io di quello ho già parlato anni fa e non voglio ripetermi e annoiarvi.
Oggi però vorrei parlarvi del makeup 😃😃😃 in quarantena 😐😐😐 (citazioni per pochi). Pronte? Via.
Il Testamento Donadieu
di Georges Simenon
Rileggendo alcuni post vecchi mi sono resa conto che sono più i libri leggeri di cui vi ho parlato che quelli con più sostanza e devo dire che la cosa non mi dispiace.
Sempre più spesso mi irrita l'ostentazione continua della cultura sui social e vorrei per equilibrare la cosa parlare solo di romanzi con la copertina rosa, rossetti opachi e cartoni animati.
Odio il voler sfoggiare il proprio sapere ma ancora di più odio il giudicare gli altri per quel che leggono o non leggono.
Davvero avete bisogno che vi parli dei classici che ho letto per pensare che non sia stupida per aver letto anche dei gialli usciti esclusivamente in paperback? 
Mie polemiche a parte, oggi vi parlo del libro più bello che ho letto ultimamente che -mi viene quasi da dire purtroppo dato il ragionamento di cui sopra, preferirei pensaste sono cretina se per voi un  libro è criterio di giudizio per l'intelligenza degli altri- non è tra i più frivoli.
Da tempo volevo leggere qualcosa di Simenon, principalmente perché mi è stato consigliato da persone di cui mi fido molto -compreso il giorno in cui ho deciso di acquistare questo- e Il Testamento Donadieu,è stato un ottimo primo passo.

Books: Il Testamento Donadieu

Il Testamento Donadieu
di Georges Simenon
Rileggendo alcuni post vecchi mi sono resa conto che sono più i libri leggeri di cui vi ho parlato che quelli con più sostanza e devo dire che la cosa non mi dispiace.
Sempre più spesso mi irrita l'ostentazione continua della cultura sui social e vorrei per equilibrare la cosa parlare solo di romanzi con la copertina rosa, rossetti opachi e cartoni animati.
Odio il voler sfoggiare il proprio sapere ma ancora di più odio il giudicare gli altri per quel che leggono o non leggono.
Davvero avete bisogno che vi parli dei classici che ho letto per pensare che non sia stupida per aver letto anche dei gialli usciti esclusivamente in paperback? 
Mie polemiche a parte, oggi vi parlo del libro più bello che ho letto ultimamente che -mi viene quasi da dire purtroppo dato il ragionamento di cui sopra, preferirei pensaste sono cretina se per voi un  libro è criterio di giudizio per l'intelligenza degli altri- non è tra i più frivoli.
Da tempo volevo leggere qualcosa di Simenon, principalmente perché mi è stato consigliato da persone di cui mi fido molto -compreso il giorno in cui ho deciso di acquistare questo- e Il Testamento Donadieu,è stato un ottimo primo passo.


Lavoro da casa e ho tutto il mio stash  a portata di mano, è arrivato il momento di riprendere in mano questa serie di post in cui vi faccio vedere la mia collezione con l'idea di fare una panoramica su cose che ho e uso da tempo.
Abbiamo capito tutti ormai che il mio blog non sarà più (ma lo è mai stato, effettivamente?) il posto giusto per leggere tutte le ultima novità ma  il makeup continua ad essere una mia grande passione e non smetterò di parlarvene.
Se c'è una categoria che vi interessa più di un'altra  ditemelo e farò in modo di farla prima delle altre, in caso contrario continuerò ad andare secondo l'ordine dei cassetti della mia cassettiera Alex.
Quindi, oggi parliamo di sopracciglia.

My Stash: Eyebrows Products



Lavoro da casa e ho tutto il mio stash  a portata di mano, è arrivato il momento di riprendere in mano questa serie di post in cui vi faccio vedere la mia collezione con l'idea di fare una panoramica su cose che ho e uso da tempo.
Abbiamo capito tutti ormai che il mio blog non sarà più (ma lo è mai stato, effettivamente?) il posto giusto per leggere tutte le ultima novità ma  il makeup continua ad essere una mia grande passione e non smetterò di parlarvene.
Se c'è una categoria che vi interessa più di un'altra  ditemelo e farò in modo di farla prima delle altre, in caso contrario continuerò ad andare secondo l'ordine dei cassetti della mia cassettiera Alex.
Quindi, oggi parliamo di sopracciglia.

Come sapete fino a ieri ero lontana da casa, dai miei, dal mio cane e da tutti i miei prodotti skincare.
No, quasi tutti.
Sapete che per me la cura della pelle è importantissima e ho imparato a prendermene cura con le formule giuste nel corso degli anni.
Quando mi sono resa conto che non mi sarei potuta spostare per un po' sono andata in panico per diversi motivi futili oltre a quelli ben più seri.
Tra questi:
"aiuto ho pochissimi vestiti non invernali"
"oddio ho pochissimi prodotti per la mia skincare"
Per il primo punto  ho risolto facendo molte lavatrici, per il secondo mi sono resa conto che quei pochi prodotti che avevo erano tra i miei preferiti in assoluto quindi okay.

Pochi ma Buoni: Skincare della Quarantena con Uplifting Regeneration


Come sapete fino a ieri ero lontana da casa, dai miei, dal mio cane e da tutti i miei prodotti skincare.
No, quasi tutti.
Sapete che per me la cura della pelle è importantissima e ho imparato a prendermene cura con le formule giuste nel corso degli anni.
Quando mi sono resa conto che non mi sarei potuta spostare per un po' sono andata in panico per diversi motivi futili oltre a quelli ben più seri.
Tra questi:
"aiuto ho pochissimi vestiti non invernali"
"oddio ho pochissimi prodotti per la mia skincare"
Per il primo punto  ho risolto facendo molte lavatrici, per il secondo mi sono resa conto che quei pochi prodotti che avevo erano tra i miei preferiti in assoluto quindi okay.


Se penso all'umore con cui ho scritto gli ultimi post pubblicati e quello con cui sto scrivendo questo mi sembra di essere veramente su un altro pianeta.
Chi mi segue sui social saprà che sono riuscita a rientrare in Italia -con il supporto prezioso del consolato italiano a Lugano- e sono in autoquarantena in mansarda dopo aver fatto i miei bei giorni chiusa in casa in Svizzera.
Essere comunque più vicina alla mia famiglia mi è di infinito conforto e mi sento estremamente fortunata.
Oggi vi parlo di ombretti in crema, però!

Review: Laura Mercier Caviar Stick Eye Colour in Rose Gold & Cocoa



Se penso all'umore con cui ho scritto gli ultimi post pubblicati e quello con cui sto scrivendo questo mi sembra di essere veramente su un altro pianeta.
Chi mi segue sui social saprà che sono riuscita a rientrare in Italia -con il supporto prezioso del consolato italiano a Lugano- e sono in autoquarantena in mansarda dopo aver fatto i miei bei giorni chiusa in casa in Svizzera.
Essere comunque più vicina alla mia famiglia mi è di infinito conforto e mi sento estremamente fortunata.
Oggi vi parlo di ombretti in crema, però!


Oggi parliamo di un prodotto che ho buttato nel cestino del DM senza grandi aspettative ma di cui mi sono follemente innamorata, il Brow Gel Filler di Trend It Up.
Ora, sopracciglia. Dopo averle massacrate come più o meno tutte le mie coetanee alle medie le ho portate a una forma che mi piace parecchio. O almeno, lo avevo fatto.
Poi ho fatto l'errore di tornare dalla mia estetista storica che sicuramente mi fa una ceretta indolore all'inguine ma che è anche rimasta agli anni '90 per quanto riguarda le sopracciglia e me le ha fatte veramente TROPPO sottili. Lo so, tremendo.
Uno dei lati positivi di questa quarantena è che posso farle crescere e stanno tornando quasi perfette, dio benedica la loro rapidissima crescita.
Mi piace dedicarmi alle sopracciglia più che al resto del makeup, forse perché sto invecchiando e non mi piace più farmi smokey pesantissimi alle sei di mattina.
Quando ho tempo il modo migliore per riempirle al meglio e dare  una forma che mi piace è decisamente utilizzare i Brow Pot di Nabla Cosmetics  o il Dip Brow di Anastasia Beverly Hills.
Negli ultimi mesi però il tempo era scarso e avere un altro pennello per eseguire il compito mi avrebbe occupato ulteriore spazio che non avevo.
Questo prodottino da 2,95 mi ha letteralmente salvata e adesso ve ne parlo nel dettaglio.

Review: Trend It Up Brow Gel Filler



Oggi parliamo di un prodotto che ho buttato nel cestino del DM senza grandi aspettative ma di cui mi sono follemente innamorata, il Brow Gel Filler di Trend It Up.
Ora, sopracciglia. Dopo averle massacrate come più o meno tutte le mie coetanee alle medie le ho portate a una forma che mi piace parecchio. O almeno, lo avevo fatto.
Poi ho fatto l'errore di tornare dalla mia estetista storica che sicuramente mi fa una ceretta indolore all'inguine ma che è anche rimasta agli anni '90 per quanto riguarda le sopracciglia e me le ha fatte veramente TROPPO sottili. Lo so, tremendo.
Uno dei lati positivi di questa quarantena è che posso farle crescere e stanno tornando quasi perfette, dio benedica la loro rapidissima crescita.
Mi piace dedicarmi alle sopracciglia più che al resto del makeup, forse perché sto invecchiando e non mi piace più farmi smokey pesantissimi alle sei di mattina.
Quando ho tempo il modo migliore per riempirle al meglio e dare  una forma che mi piace è decisamente utilizzare i Brow Pot di Nabla Cosmetics  o il Dip Brow di Anastasia Beverly Hills.
Negli ultimi mesi però il tempo era scarso e avere un altro pennello per eseguire il compito mi avrebbe occupato ulteriore spazio che non avevo.
Questo prodottino da 2,95 mi ha letteralmente salvata e adesso ve ne parlo nel dettaglio.