Non ho mai amato guidare. Ho preso la patente praticamente subito dopo il mio diciottesimo compleanno ma ho sempre optato per farmi accompagnare, invece di accompagnare.
Non guido malissimo ma nemmeno bene. Ho una fortissima antipatia per i parcheggi, le manovre, tutto quello che comporti qualcosa di più di andare dritti in realtà.
Potrei raccontarvi i miei primi anni di patente e i danni che ho fatto a tutte le macchina della mia famiglia ma eviterò, mi prendereste in giro a vita. E avreste ragione.
Poi mi sono trasferita in Svizzera e non c'è più stato tanto motivo di guidare, la mia vita era veramente confinata in pochissimi chilometri.
Io stessa mi sentivo confinata e in gabbia ma questa è tutta un'altra storia. Sono tornata a vivere in Italia a febbraio e per qualche mese mi sono mossa solo in treno, essendo in ogni caso senza una macchina mia.
La poca efficienza di trenord e trenitalia e le ore perse tra ritardi e coincidenze perse mi hanno fatto veramente odiare quel periodo di spostamenti scomodi.
Quindi mi sono decisa a prendere una macchina. Mi sono detta che dovevo superare necessariamente la paura. Hai voluto la macchina e ora guida, insomma.
Mi sono fatta ore e ore in autostrada, con un podcast in sottofondo (magari parliamo dei nostri preferiti?) e con una serenità che non mi sarei mai immaginata fino a qualche mese fa.
Ho guidato tanto perché sono innamorata ma l'uomo che amo mannaggia a lui abita lontano, ho guidato perché ho tanti clienti nuovi -ditemi brava!-, ho guidato tanto perché vado in palestra e vado a yoga e mia mamma gasata dalla mia rinnovata mobilità mi manda in giro a fare commissioni almeno due volte al giorno.
Ho scoperto che una cosa che non mi piace può continuare a non piacermi ma posso comunque sfruttarla a mio favore perché diciamocelo, avere la propria indipendenza è bellissimo.
Quando non ascolto podcast penso.
Ripercorro gli ultimi mesi, le scelte sbagliate che ho fatto e quelle invece giustissime.
Penso al mio percorso lavorativo che mi dà una soddisfazione dopo l'altra, penso agli amici che non sono esattamente tali ma da cui non mi sono fatta ferire -non troppo, almeno-, penso a come sviluppare ogni mio progetto al meglio, penso agli obiettivi raggiunti e quelli che invece non fanno per me e devo lasciare andare.
Sogno il futuro che per la prima volta in vita mia non mi sembra un sogno ma qualcosa che posso quasi toccare.
Mi dico che se ho superato la mia antipatia per la guida posso superare anche molto altro.
Mi dico che va bene anche non superare ogni paura ed accettare che alcune cose proprio non fanno per noi perché so che arriveranno.
Potrei essere poetica e dirvi che guidare mi ha permesso anche di vedere tramonti bellissimi come quello fotografato sopra (ERO FERMA AMICI SENZA NESSUNO DIETRO) ma la verità è che io guido per arrivare a quello che voglio con tutta me stessa e il resto conta molto poco.


Di come ho guidato più chilometri in un mese che in undici anni e altre storie


Non ho mai amato guidare. Ho preso la patente praticamente subito dopo il mio diciottesimo compleanno ma ho sempre optato per farmi accompagnare, invece di accompagnare.
Non guido malissimo ma nemmeno bene. Ho una fortissima antipatia per i parcheggi, le manovre, tutto quello che comporti qualcosa di più di andare dritti in realtà.
Potrei raccontarvi i miei primi anni di patente e i danni che ho fatto a tutte le macchina della mia famiglia ma eviterò, mi prendereste in giro a vita. E avreste ragione.
Poi mi sono trasferita in Svizzera e non c'è più stato tanto motivo di guidare, la mia vita era veramente confinata in pochissimi chilometri.
Io stessa mi sentivo confinata e in gabbia ma questa è tutta un'altra storia. Sono tornata a vivere in Italia a febbraio e per qualche mese mi sono mossa solo in treno, essendo in ogni caso senza una macchina mia.
La poca efficienza di trenord e trenitalia e le ore perse tra ritardi e coincidenze perse mi hanno fatto veramente odiare quel periodo di spostamenti scomodi.
Quindi mi sono decisa a prendere una macchina. Mi sono detta che dovevo superare necessariamente la paura. Hai voluto la macchina e ora guida, insomma.
Mi sono fatta ore e ore in autostrada, con un podcast in sottofondo (magari parliamo dei nostri preferiti?) e con una serenità che non mi sarei mai immaginata fino a qualche mese fa.
Ho guidato tanto perché sono innamorata ma l'uomo che amo mannaggia a lui abita lontano, ho guidato perché ho tanti clienti nuovi -ditemi brava!-, ho guidato tanto perché vado in palestra e vado a yoga e mia mamma gasata dalla mia rinnovata mobilità mi manda in giro a fare commissioni almeno due volte al giorno.
Ho scoperto che una cosa che non mi piace può continuare a non piacermi ma posso comunque sfruttarla a mio favore perché diciamocelo, avere la propria indipendenza è bellissimo.
Quando non ascolto podcast penso.
Ripercorro gli ultimi mesi, le scelte sbagliate che ho fatto e quelle invece giustissime.
Penso al mio percorso lavorativo che mi dà una soddisfazione dopo l'altra, penso agli amici che non sono esattamente tali ma da cui non mi sono fatta ferire -non troppo, almeno-, penso a come sviluppare ogni mio progetto al meglio, penso agli obiettivi raggiunti e quelli che invece non fanno per me e devo lasciare andare.
Sogno il futuro che per la prima volta in vita mia non mi sembra un sogno ma qualcosa che posso quasi toccare.
Mi dico che se ho superato la mia antipatia per la guida posso superare anche molto altro.
Mi dico che va bene anche non superare ogni paura ed accettare che alcune cose proprio non fanno per noi perché so che arriveranno.
Potrei essere poetica e dirvi che guidare mi ha permesso anche di vedere tramonti bellissimi come quello fotografato sopra (ERO FERMA AMICI SENZA NESSUNO DIETRO) ma la verità è che io guido per arrivare a quello che voglio con tutta me stessa e il resto conta molto poco.




Non pubblico dal primo settembre. Ho saltato il decimo anniversario del blog, il mio trentesimo compleanno. Ho un sacco di scuse, non sono stata bene né fisicamente né emotivamente, sono stati giorni difficili per diversi motivi.
La verità è che però aver trascurato il blog ha fatto più male a me che a chi mi legge, perché occuparmi di questo angolo di internet mi rende sempre tanto contenta.
Torno oggi con un post haul di cosine che ho comprato ieri, nulla che mi servisse ma che mi hanno fatto sorridere.
Sono tornata a prendermi cura di me stessa da ogni punto di vista, sono di nuovo felice. Non vi prometto che pubblicherò come prima cinque volte a settimana ma che cercherò di condividere di più sì: mi siete mancati tantissimo.
Quindi, cos'ho comprato?
Sono stata da Eurospin (dove trovo una delle linee senza lattosio che preferisco in assoluto) e ho trovato due tipi di cioccolato: uno al latte con pistacchi di bronte e uno fondente con limone di sorrento. Ho provato quest'ultimo e quei pezzi di limone sono veramente pazzeschi, se vi capita provatelo assolutamente.
Anche Eurospin si è adeguata alla moda (tendenza? non so) dei dessert proteici. Ne ho preso uno al cioccolato, molto più denso dell'equivalente di Lidl e Aldi ma super buono in ogni caso.


Da DM c'è Organic Shop, marchio bio che mi regala sempre grandi sorprese. Ho preso due scrub corpo -sto cercando di prendermi cura della mia pelle tutto l'anno e non solo d'estate come sarei onestamente molto molto tentata di fare- uno al cacao biologico e zucchero e l'altro alla rosa biologica e sale.
Quello al cacao l'ho già utilizzato e amato, ve lo consiglio senza alcuna esitazione.
Non ho ancora avuto modo di utilizzare quello alla rosa ma non vedo l'ora di farlo.
In generale Organic Shop ha dei prezzi super accessibili per dei prodotti decisamente validi, amo particolarmente le maschere per i capelli (quella all'avocado è nel mio cuore).


DM per me è un posto di perdizione, entro ed esco con un sacchetto pieno di cose che non mi servono. Il lato positivo è che i prezzi sono sempre così convenienti che ne vale la pena, in ogni caso.
C'è questa nuova collezione super colorata e a tema caramelle che mi ha fatta subito innamorare, ho preso immediatamente il sapone per le mani e il bagnoschiuma.
Hanno un profumo veramente dolcissimo, per tanti probabilmente fin troppo ma io lo amo ecco.
Ho preso poi l'ennesima confezione di Chai Tea al cioccolato, rimane uno dei miei preferiti.
Ennesimo burroccacao, questa volta canapa e banana. Il profumo è abbastanza neutro devo dire ma sempre molto idratante.

Non compravo makeup veramente da una vita.
Ok, ho preso qualche prodotto per la base ma praticamente zero rossetti e ombretti e così via ecco.
Però le limited edition di Catrice e Essence mi attirano sempre e non ho resistito  questa palette della limited Bronze Away.
I colori sono veramente super carini, sono curiosa di vedere la resa sugli occhi.
Mi serviva? No. Sono felice di averla presa? Un sacco!
Vorrei sapeste quanto mi hanno resa felice questi minuti passati a scrivere, so di non dare chissà che contributo utile al mondo con il mio blog ma mi rende contenta quindi per me va bene così.
Cos'avete comprato ultimamente? Raccontatemi!

Haul di cose non indispensabili ma che mi hanno fatta sorridere



Non pubblico dal primo settembre. Ho saltato il decimo anniversario del blog, il mio trentesimo compleanno. Ho un sacco di scuse, non sono stata bene né fisicamente né emotivamente, sono stati giorni difficili per diversi motivi.
La verità è che però aver trascurato il blog ha fatto più male a me che a chi mi legge, perché occuparmi di questo angolo di internet mi rende sempre tanto contenta.
Torno oggi con un post haul di cosine che ho comprato ieri, nulla che mi servisse ma che mi hanno fatto sorridere.
Sono tornata a prendermi cura di me stessa da ogni punto di vista, sono di nuovo felice. Non vi prometto che pubblicherò come prima cinque volte a settimana ma che cercherò di condividere di più sì: mi siete mancati tantissimo.
Quindi, cos'ho comprato?
Sono stata da Eurospin (dove trovo una delle linee senza lattosio che preferisco in assoluto) e ho trovato due tipi di cioccolato: uno al latte con pistacchi di bronte e uno fondente con limone di sorrento. Ho provato quest'ultimo e quei pezzi di limone sono veramente pazzeschi, se vi capita provatelo assolutamente.
Anche Eurospin si è adeguata alla moda (tendenza? non so) dei dessert proteici. Ne ho preso uno al cioccolato, molto più denso dell'equivalente di Lidl e Aldi ma super buono in ogni caso.


Da DM c'è Organic Shop, marchio bio che mi regala sempre grandi sorprese. Ho preso due scrub corpo -sto cercando di prendermi cura della mia pelle tutto l'anno e non solo d'estate come sarei onestamente molto molto tentata di fare- uno al cacao biologico e zucchero e l'altro alla rosa biologica e sale.
Quello al cacao l'ho già utilizzato e amato, ve lo consiglio senza alcuna esitazione.
Non ho ancora avuto modo di utilizzare quello alla rosa ma non vedo l'ora di farlo.
In generale Organic Shop ha dei prezzi super accessibili per dei prodotti decisamente validi, amo particolarmente le maschere per i capelli (quella all'avocado è nel mio cuore).


DM per me è un posto di perdizione, entro ed esco con un sacchetto pieno di cose che non mi servono. Il lato positivo è che i prezzi sono sempre così convenienti che ne vale la pena, in ogni caso.
C'è questa nuova collezione super colorata e a tema caramelle che mi ha fatta subito innamorare, ho preso immediatamente il sapone per le mani e il bagnoschiuma.
Hanno un profumo veramente dolcissimo, per tanti probabilmente fin troppo ma io lo amo ecco.
Ho preso poi l'ennesima confezione di Chai Tea al cioccolato, rimane uno dei miei preferiti.
Ennesimo burroccacao, questa volta canapa e banana. Il profumo è abbastanza neutro devo dire ma sempre molto idratante.

Non compravo makeup veramente da una vita.
Ok, ho preso qualche prodotto per la base ma praticamente zero rossetti e ombretti e così via ecco.
Però le limited edition di Catrice e Essence mi attirano sempre e non ho resistito  questa palette della limited Bronze Away.
I colori sono veramente super carini, sono curiosa di vedere la resa sugli occhi.
Mi serviva? No. Sono felice di averla presa? Un sacco!
Vorrei sapeste quanto mi hanno resa felice questi minuti passati a scrivere, so di non dare chissà che contributo utile al mondo con il mio blog ma mi rende contenta quindi per me va bene così.
Cos'avete comprato ultimamente? Raccontatemi!




Cercando "Settembre" tra le immagini mi escono praticamente solo foto di foglie secche e alberi spogli ma se guardo fuori la situazione non è proprio ancora così.
Quindi ho scelto un'immagine del mare anche se non c'entra nulla perché per me il mare c'entra sempre e perché mi dà un'enorme sollievo, come una carezza sui capelli.
Prima di tornare dalle vacanze pensavo che per settembre, notoriamente l'inizio dell'anno, avrei fatto grandissime cose. Mi sono scontrata con una realtà un po' diversa che mi ha notevolmente fatto ridimensionare le mie aspettative.
Quindi, cosa mi auguro?
Di stare bene fisicamente, prima di tutto.
A costo di sembrare vostra madre vi ribadisco che effettivamente sì, senza la salute nulla è lo stesso.
Mi auguro che non ci siano altri enormi catastrofi, a livello mondiale e nel mio giardino.
Mi auguro di dormire un po', di andare in palestra più spesso possibile, di vedere dei tramonti bellissimi.
Buon anno amici, speriamo che settembre ci voglia un po' del bene che noi vogliamo a lui.

Ciao, Settembre




Cercando "Settembre" tra le immagini mi escono praticamente solo foto di foglie secche e alberi spogli ma se guardo fuori la situazione non è proprio ancora così.
Quindi ho scelto un'immagine del mare anche se non c'entra nulla perché per me il mare c'entra sempre e perché mi dà un'enorme sollievo, come una carezza sui capelli.
Prima di tornare dalle vacanze pensavo che per settembre, notoriamente l'inizio dell'anno, avrei fatto grandissime cose. Mi sono scontrata con una realtà un po' diversa che mi ha notevolmente fatto ridimensionare le mie aspettative.
Quindi, cosa mi auguro?
Di stare bene fisicamente, prima di tutto.
A costo di sembrare vostra madre vi ribadisco che effettivamente sì, senza la salute nulla è lo stesso.
Mi auguro che non ci siano altri enormi catastrofi, a livello mondiale e nel mio giardino.
Mi auguro di dormire un po', di andare in palestra più spesso possibile, di vedere dei tramonti bellissimi.
Buon anno amici, speriamo che settembre ci voglia un po' del bene che noi vogliamo a lui.

L'estate non è ancora finita ma per me settembre è l'inizio dell'anno nuovo, non accetto altre visioni della cosa.
Ho pensato quindi di fare un post un po' old school, sui trucchi che ho amato di più negli scorsi mesi. Tendo a non fare più questo tipo di rubrica -come mi piaceva scrivere il post sui preferiti del mese!- perché non ho continuamente prodotti nuovi da mostrare e sarei ripetitiva. Mi piace sempre molto però parlare di makeup e quindi eccoci qua.
Per la base vi confesso di aver spesso lasciato la pelle nuda (mi piace tanto quando sono abbronzata!) ma quando volevo esagerare ho scelto il Miracle Second Skin di Max Factor idratante, con spf 20 e un bell'effetto naturale.
Per le sopracciglia il Trend It Up Brow Gel Filler, un prodotto super economico di cui vi avevo parlato qui e che amo tantissimo.


Per una serie di motivi mi sono trovata a Milano senza trucchi per quasi tre giorni e chiaramente non potevo sopravvivere. No ok, potevo, però perché! Tra le cose che ho scelto c'è una mini palette di Revolution di cui non compravo niente penso da boh, sette anni? È stata una piacevolissima sorpresa. È la Tasty Mini, otto ombretti opachi scriventi e che si sfumano quasi da soli. Continuo ad amare la Coral Cutie Palette di Nabla, ve ne ho parlato secoli fa qui.
Ho stra usato -e forse quasi finito- un ombretto in crema di Charlotte Tilbury che rimane uno dei miei preferiti di sempre, il Mona Lisa.
L'eyeliner waterproof di Essence non ve lo faccio neanche vedere che mi mandate a quel paese. Sto amando il mascara Lash Revival di Max Factor, volumizzante e facile da struccare.


Per il viso ho riesumato la Mineralize Skinfinish di MAC Soft&Gentle che ho non vi dico da quanti anni ma che amo teneramente come dal primo giorno. New entry il duo Bronze&Glow di Natasha Denona: texture pazzesca e colori meravigliosi.
I prodotti labbra che erano la mia parte preferita del makeup da marzo 2020 vengono un po' trascurati da queste parti, mi sono limitata ad utilizzare un sacco di burrocacao colorato tra cui Passion Kiss degli Hyaluronic Happikiss di Charlotte Tilbury.
Voi cos'avete amato quest'estate? Raccontatemi! 


I trucchi dell'estate


L'estate non è ancora finita ma per me settembre è l'inizio dell'anno nuovo, non accetto altre visioni della cosa.
Ho pensato quindi di fare un post un po' old school, sui trucchi che ho amato di più negli scorsi mesi. Tendo a non fare più questo tipo di rubrica -come mi piaceva scrivere il post sui preferiti del mese!- perché non ho continuamente prodotti nuovi da mostrare e sarei ripetitiva. Mi piace sempre molto però parlare di makeup e quindi eccoci qua.
Per la base vi confesso di aver spesso lasciato la pelle nuda (mi piace tanto quando sono abbronzata!) ma quando volevo esagerare ho scelto il Miracle Second Skin di Max Factor idratante, con spf 20 e un bell'effetto naturale.
Per le sopracciglia il Trend It Up Brow Gel Filler, un prodotto super economico di cui vi avevo parlato qui e che amo tantissimo.


Per una serie di motivi mi sono trovata a Milano senza trucchi per quasi tre giorni e chiaramente non potevo sopravvivere. No ok, potevo, però perché! Tra le cose che ho scelto c'è una mini palette di Revolution di cui non compravo niente penso da boh, sette anni? È stata una piacevolissima sorpresa. È la Tasty Mini, otto ombretti opachi scriventi e che si sfumano quasi da soli. Continuo ad amare la Coral Cutie Palette di Nabla, ve ne ho parlato secoli fa qui.
Ho stra usato -e forse quasi finito- un ombretto in crema di Charlotte Tilbury che rimane uno dei miei preferiti di sempre, il Mona Lisa.
L'eyeliner waterproof di Essence non ve lo faccio neanche vedere che mi mandate a quel paese. Sto amando il mascara Lash Revival di Max Factor, volumizzante e facile da struccare.


Per il viso ho riesumato la Mineralize Skinfinish di MAC Soft&Gentle che ho non vi dico da quanti anni ma che amo teneramente come dal primo giorno. New entry il duo Bronze&Glow di Natasha Denona: texture pazzesca e colori meravigliosi.
I prodotti labbra che erano la mia parte preferita del makeup da marzo 2020 vengono un po' trascurati da queste parti, mi sono limitata ad utilizzare un sacco di burrocacao colorato tra cui Passion Kiss degli Hyaluronic Happikiss di Charlotte Tilbury.
Voi cos'avete amato quest'estate? Raccontatemi!