Lo so che non è ancora finita. Però ho deciso che ne siamo abbastanza fuori per iniziare a fare dei bilanci, almeno per me stessa.



Ho tantissima voglia di viaggiare e non voglio più perdermi nessuna occasione. Non ho più paura di cambiare la routine, sono pronta a fare uno zaino e dormire in un altro stato tra mezz'ora, ci vediamo lì. 

 

Mi arrabbio molto meno facilmente con le persone a me vicine. Non ho mai avuto così tanta paura di perderle, posso essere più paziente.

 

Ho scoperto che mi piace molto lavorare da casa ma questo è legato molto anche al mio lavoro effettivamente. Comunque non l'avrei mai detto, prima del 2020. 

 

Se ti dicono "Ci vediamo appena finisce il lockdown" al 90% non lo pensano ma ho imparato a non prendermela.

 

Non me ne frega niente se ho imparato a far da mangiare: uscire al ristorante mi piace sempre tantissimo.  

 

 Piango tanto quanto prima, non sono diventata insensibile ma neanche ancora più rammollita.

 

 Continuo a non essermi abituata alla mascherina e devo tornare a casa a prenderla più spesso di quanto io voglia ammettere  

 

 Ho scoperto quanto il nostro cervello sia capace di rimuovere quello che ci fa male, ho interi mesi che sono tutti una foschia senza senso.

 

 Sto cercando di comprare molto di più dalle realtà locali, quando possibile. Non sempre per ragioni economiche ma sicuramente più di prima.

 

 Questo periodo mi ha dato un sacco di buone abitudini: praticare yoga, mettere la crema idratante sul corpo, dormire a sufficienza. Avrei preferito non prenderle così ma insomma, okay. 

 

Ho capito che sì, per me l'estetista è un bene essenziale. 

 

 Faccio incubi a tema covid almeno una volta a settimana.

 

 Mi sento fisicamente male quando leggo fake news/deliri sui social. Blocco tutto ma intanto penso a che impatto negativo possono avere sulle persone.  Cose che mi avrebbero fatta ridere ora mi fanno venire i brividi. 

 

 Spero vivamente che sia l'ultima pandemia che dobbiamo vivere e mi fa strano solo a scriverlo, non pensavo avremmo dovuto affrontarla.