Ho molti motivi per essere preoccupata, triste, nervosa. 
Non è che è un periodo difficile, è che la vita lo è e sicuramente non solo la mia.
Ieri e l'altro ieri non ho pubblicato nessun post perché ero così piena di negatività e odio che credo che anche solo leggerlo vi avrebbe fatto male.
Non che oggi vada molto meglio però mi sembra di aver circoscritto almeno un argomento di cui potrebbe aver senso parlare per confrontarsi.
Dicevo, un sacco di motivi per star male. Ma sapete qual è quello che realmente incide di più sul mio umore e che mi fa star male?
La mia immagine allo specchio. 
Ora, con tutto l'amore del mondo, non lo sto scrivendo per avere complimenti perché davvero pur essendovi molto grata non cambia nulla.
Il fatto è che sono costantemente gonfia nonostante io stia mangiando bene e allenandomi, mi chiedo se tornerò ad essere grassa come prima, mi chiedo se le rughe che mi stanno venendo attorno agli occhi sono così visibili per gli altri come per me stessa, se forse non avrei dovuto tagliarmi i capelli che almeno quelli erano sempre belli.
E mi odio.
Mi odio perché vorrei a ventotto anni non dare così tanto peso a come mi stanno i jeans sul culo per essere di buono o di cattivo umore.
Mi odio perché sono consapevole del fatto che non sto facendo nulla di sbagliato per la mia salute e per il mio corpo e che se sono così gonfia costantemente probabilmente è psicosomatico o c'è un'altra radice più profonda e non ha senso prendersela con me stessa ma non ne posso fare a meno.
Mi odio perché lo so che il mio valore non dipende dalla circonferenza delle mie cosce ma me lo chiedo comunque se quel ragazzo non mi ha risposto per quello.
Mi odio perché ho veramente problemi più grossi di cui preoccuparmi e ossessionarmi sul mio aspetto fisico davvero non è per niente produttivo.
Mi odio perché metto like a tutte le pagine body positive del mondo e poi vorrei solo andare da un chirurgo plastico e far sistemare tutto quello che non va e che mi fa schifo.
Mi odio perché vedo un difetto e lo vedo così grande che vedo solo quello e perdo di vista come sono realmente e non lo so più onestamente, non ho consapevolezza del mio aspetto oltre a quello che secondo me fa schifo e che inevitabilmente è  l'unico che vedono anche gli altri.
Mi odio perché non riesco a mettere in pratica tutti i buoni consigli che dò agli altri.
Mi odio perché vorrei essere capace di volermi un po' più bene. 
Mi faccio un sacco di selfie e guardo quelli di due anni fa e mi dico che stavo meglio, che il tracollo è evidente, che non mi sarei dovuta tagliare i capelli, che qualsiasi sia il motivo per cui sono gonfia si manifesta anche sulla mia faccia che è sempre più enorme. 
Vorrei riuscire a guardarmi con l'indulgenza con cui guardo i corpi degli altri perché davvero pur essendo una stronza non mi capita mai di pensare "che cesso", faccio tutta un'altra serie di critiche cattivissime ma sul corpo veramente mai.
Vorrei riuscire a non farmi condizionare dal come vedo la mia faccia allo specchio per vivere la giornata.
Vorrei anche non aver scritto questo post e avervi parlato di qualcosa di più bello e positivo però ecco, oggi va così.
Domani vi parlo di prodotti finiti che probabilmente è più utile ma per oggi abbiate pazienza.