Oggi parliamo di un argomento veramente poco glam: i peli.
Vorrei non parlarne mai, non averne più, essere nata glabra, aver fatto il laser ovunque e non solo a inguine e ascelle (comunque grande benedizione e spesa migliore della mia inutile vita).
Potremmo discutere a lungo di come l'idea del corpo femminile senza peli possa essere sbagliata o meno. Io so solo che faccio la ceretta da quando ho dodici anni e anche se ne ho sempre meno bisogno grazie alla frequenza e diligenza con cui l'ho sempre fatta evitando rasoi e cose simili e che odio con tutta la mia forza avere dei peli addosso.
È sbagliato? Sono vittima del patriarcato? Può darsi, so solo che è così e non ho intenzione di cambiare.
Non contesto chi ha deciso di usare questo tempo per non depilarsi, io so che se non l'avessi fatto sarei impazzita perché mi sarei vista in disordine ed è più che sufficiente vedermi brutta con gli occhiali da vista perché non voglio sprecare le lenti.
Quindi, se volete far crescere tutto per aspettare la riapertura del centro estetico del vostro cuore o se siete contro la depilazione in generale siete liberissime, il post di oggi è per chi invece preferisce toglierli per qualsiasi motivo.
Ora, io negli anni ho imparato a farmi la ceretta da sola anche con la cera da scaldare in microonde sul fornello MA se non l'avete mai fatto per favore evitate!
Non è il caso di ustionarvi e dover correre all'ospedale in questo momento, decisamente.
Qualsiasi metodo decidiate di usare fatevi un bello scrub corpo il giorno prima per far uscire tutti quelli sottopelle
Un metodo semplice e sempre efficace sono le strisce già pronte, da scaldare con il calore delle mani.
Le migliori che io abbia mai provato sono quelle di Balea, un prezzo decisamente piccolo come tutti i loro prodotti ma sono veramente super efficaci.
Secondo me sono facili da usare anche per chi non ha grandissima manualità, tagliatele per le zone più delicate per evitare di fare strappi troppo impegnativi e farvi male.
Strappi decisi e non abbiate paura o vi rimangono lì mezze appiccicate, cera che non se ne va mai ed è un casino.
Per i residui di cera se riuscite evitate di utilizzare quelle salviette piene di paraffina del demonio e preferite un bell'olio per il corpo, se ne vanno e idrata bene.
Il Silkepil è per molte uno strumento del demonio ma io ho una soglia del dolore piuttosto alta e devo dire che davvero non sento niente. Mi ci trovo bene per le braccia specialmente perché quando devo fare quello destro a farlo con la sinistra mi sento molto molto impedita.
Per questo non ho grandi consigli se non di fare un bel respiro: non è così tremendo!
Il rasoio non è sicuramente il metodo che preferisco in generale, forse perché sia la mia estetista storica che mia madre me l'hanno sempre dipinto come il demonio. Breaking: non vi si moltiplicheranno i peli alla velocità della luce. Cresceranno più veloce che con la ceretta sicuramente ma non è la fine del mondo.
Evitate di usare un rasoio marcio monolama come il mio in foto -residuato bellico- e usate un latte detergente per passarlo o una schiuma da barba se l'avete a casa.
Veloce, indolore (se non vi tagliate come me a quattordici anni che lo facevo ogni settimana sui polpacci per le fottute lezioni di educazione fisica) e dal risultato garantito. Non è come la ceretta e okay ma sicuramente non è la fine del mondo.
Una cosa che vorrei tantissimo avere in casa è il Lumea di Philips, sogno della vita.
Continuo a pensare che qualsiasi metodo casalingo sia tranquillamente battuto da una bella ceretta dalla vostra estetista preferita -se vivete a Milano ne ho una da consigliarvene che è favolosa- però ecco ci si arrangia come si può.
Ripeto, non vivetela come un obbligo ma se vi fa star bene toglieteli 'sti peli. Io sono abbronzata come non lo ero dal 2018 -grazie terrazzo in balcone da cui non mi vede anima viva- e mettermi un vestitino per stare in casa e vedermi in ordine e le gambe dorate mi fa star bene.
Gli unici peli che sono felice di far crescere sono quelli delle sopracciglia -sto puntando a una forma pazzesca- e i capelli che ho deciso di far tornare lunghissimi.
Bene, ora che abbiamo parlato di peli questa volta prometto che non lo farò mai più.