Ho un amico più grande di me, di una ventina d'anni. Lo ritengo una persona molto intelligente e colta quasi in ogni circostanza.
Quando però ci sono delle donne attorno fa sempre dei commenti che mi feriscono e pur ammettendo di essere ipersensibile in questo caso penso di non essere nel torto.
Ora, questo mio amico è un uomo normale, non il più sexy del pianeta. Che io faccia questa premessa già è sbagliato e me ne rendo conto però è come se volessi giustificarmi con me stessa per rimanerci male.
Critica l'aspetto fisico di veramente qualsiasi donna in modo gratuito e spesso inutilmente cattivo, ergendosi a giudice non si sa bene di cosa e non si sa bene nominato da chi.
È perché in fondo non si sente poi 'sto gran pezzo di figo nemmeno lui e quindi attua questa dinamica di autodifesa anche con donne che oggettivamente non lo guarderebbero nemmeno? Può darsi.
Io lo so che l'aspetto fisico è solo uno dei lati che contano quando si tratta dell'attrazione tra due persone (o più di due in caso di relazioni poliamorose, ciao amici!). Mi sono piaciuti uomini così belli che facevo fatica a guardargli negli occhi per quanto erano perfetti e mi sono presa delle sbandate pazzesche per altri per cui mi sono sentita dire più volte "ma davvero ti piace quello?". 
Mi sento molto Carrie Bradshaw dei poveri davanti al suo Mac e con la sua sigaretta mentre lo scrivo ma la verità è che andando verso i 30 mi sembra di avere sempre meno possibilità. Forse è anche perché vanno di nuovo di moda le gravidanze in giovane età e quindi la metà delle mie conoscenti della mia età sono già sposate e sistemate (vorrei scrivere un post sul sentirsi realizzati ma ho paura di offendere la gente) e io mi sento sempre più indietro nella lista degli obiettivi da spuntare per potersi dire felice, forse perché mi piacciono spesso soggetti a cui io piaccio meno di quanto loro piacciano a me, forse perché mi piacciono uomini che in realtà non mi interessano realmente ma per cui mi sforzo di provare qualcosa per passarmi del tempo in compagnia perché ho paura di crepare da sola, forse perché mi sento in una continua competizione con una serie di donne senza nome contro cui probabilmente perderei comunque perché il punto non è la mia faccia ma lo scarso interesse a prescindere.
Non dobbiamo permettere ai commenti maschili sull'aspetto fisico di condizionarci e farci sentire meno all'altezza di uno standard che non esiste, lo so e avete ragione.
Però capite che se a una foto con una ragazza di una bellezza di questo livello  ci sono dei commenti che commentano i suoi peli pubici un pochino si vacilla?
Sicuramente è necessario lavorare sulla propria autostima e curare quello che abbiamo dentro, per non permettere alla superficialità altrui di minare quello che siamo e come ci sentiamo. Bisogna ricordarsi sempre che un uomo che fa commenti così stupidi è un coglione e non ci vogliamo niente a che fare, tendenzialmente sempre.
Voi amiche ci riuscite però? Riuscite veramente a leggere e sentire continuamente commenti sul corpo delle donne senza farvi scalfire un minimo?
Che poi io sia convinta del fatto che siamo tutte bellissime e che dobbiamo sentirci bene in noi stesse okay, in pratica se per disgrazia un uomo mi vede struccata mi faccio mille paranoie.
È colpa della mia scarsa autostima? Sicuramente in gran parte sì. Ci sono un sacco di stronzi? Anche! Devo smetterla di guardarmi le donne perfette su instagram quando sono in PMS? Sicuro.
Non possiamo piacere a tutti e non è neanche una mia necessità, vorrei anzi essere più in pace col fatto di poter fare schifo a un sacco di uomini e donne e fregarmene.
Non c'è una morale a questo post, non voglio insegnarvi nulla né darvi consigli utili. È un momento di debolezza che spero di esorcizzare scrivendo qua, con il cane che mi dorme addosso e una maschera in faccia.