Mi sono trasferita a Lugano da quasi due anni, il 15 novembre segna la prima notte trascorsa nella prima casa che ho avuto qui.
Il primo settembre è stato l'anniversario del mio trasloco nella seconda casa, quella che mi accompagnerà spero molto a lungo.
Se ci penso mi sembra tanto strano, sono stati anni estremamente intensi, belli ma anche difficili.
In questi mesi una delle difficoltà più grandi è stata trovare un equilibrio tra il lavoro e la mia vita privata.




Ho lavorato veramente come una pazza per mesi, senza sosta.
Sono arrivata a qualcosa di molto simile all'esaurimento, anche. Quando ho iniziato ad avere qualche ora libera non sapevo assolutamente come gestirle. 
Penso di essere una persona socievole, al lavoro amo moltissimo il contatto con la gente.
Allo stesso tempo faccio fatica a fare amicizia da adulta, non so voi. Come si fa a conoscere persone dopo l'età scolare? Perché davvero, io non so bene come fare.
Quindi mi sono trovata in una città nuova, senza i miei amici, senza i posti conosciuti e amati, senza la mia famiglia. 
Milano e Bergamo sono vicine ma dopo una settimana da pazzi quando mi sposto solitamente è solo per vedere i miei. 


Da qualche mese però sto cercando di cambiare la mia vita. Sto cercando un equilibrio e il modo migliore di trovare bellezza e gioia ovunque.
Faccio fatica, sono stata triste e un po' pessimista per troppo tempo. Cerco di uscire e di dire di sì più spesso e sto scoprendo così tante cose nuove che mi fanno contenta.
Domenica scorsa sono stata sul Monte Brè partecipando ad un'iniziativa molto carina, Lugano PaSteggia. 
È stato stancante faticoso e esattamente NON il genere di attività che farei normalmente per divertirmi.
Però ho visto un sacco di bei posti ed è stato tanto bello.


Ho anche imparato ad aprirmi di nuovo alle persone, in amicizia e non.
Ho conosciuto delle persone meravigliose a cui mi sono affezionata tanto, che sono entrate nella mia vita e l'hanno notevolmente migliorata.
E questa è una fortuna che non pensavo che avrei avuto tanto facilmente.
È difficile che io mi apra senza problemi e spesso mi sento bloccata anche quando mi trovo davanti qualcuno per cui provo simpatia.
Non mi piace non vedere quanto vorrei le persone che amo ma ho capito anche che amare così tanto qualcuno vuol dire che puoi vederle anche non ogni giorno e non per questo amarle di meno.
Non vedere spesso le persone con cui ho condiviso anni e anni, con cui ho chili di ricordi, mille aneddoti su cui piangere e ridere mi fa male.
Però sto creando ricordi nuovi, con persone nuove che sono così fortunata ad aver incontrato.









Mi piace sempre di più Lugano e mi è piaciuto scoprire posti nuovi.
La vista del Monte Brè è commovente da quanto è bella e vederlo dal mio terrazzo ora che ci sono salita è ancora più bello.
Avere qualcosa di così magico a poca distanza da casa è una fortuna enorme. Certo, prevedo che la prossima volta ci andrò in macchina e berrò del vino seduta e passerà un po' di tempo prima di percorrere lunghi sentieri a piedi -mi hanno superato anche i bambini-. 
Settembre è il mio inizio anno e non potrei averlo iniziato in modo migliore. Ho una lista (per ora in testa ma domani vedo di concretizzarla anche scrivendola) di luoghi da visitare, mostre da vedere e bar in cui bere cappuccini di soia.
È il primo giorno di autunno e sono felice sia finita l'estate, carica per i prossimi mesi.
Sono anche molto consapevole che si verificheranno eventi poco piacevoli ma mi sento -quasi- pronta ad affrontare anche quelli.
E il Brè è bellissimo, se passate da Lugano un giro fatecelo.