Io vorrei davvero fare un post su tutti i rossetti liquidi opachi che ho. Nell’ultimo anno sono stati praticamente l’unica tipologia di prodotti labbra che ho utilizzato.

Me ne sono resa conto nelle ultime settimane, facendo il beauty per Londra ma anche quando preparo le cose da portare a Milano o Bergamo per il weekend.
Inevitabilmente metto via solo rossetti liquidi, sempre.
Quindi posso auto nominarmi esperta del settore, ok?
Oggi vi parlo di quelli di Maybelline che hanno fatto scalpore everywhere.



Non compravo da tantissimo tempo prodotti labbra ma anche make-up in generale. Tanto meno mi capitava di acquistare diverse colorazioni dello stesso.
Delle Liquid Ink ho cinque referenze, praticamente tutte quelle che mi piacciono. A dire il vero impazzisco anche per i viola violenti ma penso che mi starebbero male come poche cose al mondo. Nelle foto di gruppo con gli swatch non c'è Voyager ma ve lo mostro indossato. Con Loyalist e Heroine non ho ancora deliziosi selfie ma arriveranno presto su Instagram.
Quindi spoiler: mi piacciono.
Parliamo della reperibilità. Ad oggi non mi è chiarissimo se siano in edizione limitata o un’aggiunta permanente alla linea.
Spero nell’ultima opzione, possibilmente aggiungendo altri diecimila colori.
Maybelline la trovate nella grande distribuzione, Esselunga compresa. Vantaggio non da poco: c’è la possibilità di trovare questo prodotto con un super sconto. Stessa cosa vale per Maquillalia.
Io ne ho preso uno a prezzo pieno, due in offerta all’Esselunga e due al prezzo di uno alla Manor -una sorta di Rinascente svizzera con anche qualche marchio drugstore, per intenderci-. 



da su: loyalist, pioneer, heroine, romantic


Pioneer, resistito a una giornata pazza a Londra


Voyager e un pezzo di casa nuova SPOILER ALERT


Romantic e io che sembro gonfia come un pesce palla


Ho un colore molto chiaro Loyalist, un fucsia acceso Romantic, il rosso classico Pioneer, un aranciato Heroine e uno bello scuro, il famoso Voyager.
Nella mia esperienza hanno performance e caratteristiche decisamente molto simili ma ecco, ve ne parlo anche evidenziando eventuali differenze.
Il profumo è decisamente molto gradevole, fiorato ma non troppo chimico. Intendiamoci, non sa del gelsomino sul mio terrazzo ma neanche di Bon Bon Malizia.
L’applicatore a *goccia* -ci sarà sicuramente un termine tecnico che io ignoro perdonatemi- preleva la quantità di prodotto perfetta ed è molto comodo per tracciare bene il contorno delle labbra. Non mi fa sentire l’esigenza di utilizzare una matita, cosa che comunque faccio raramente perché sono pigra da morire.
La consistenza è la stessa per quasi tutti i colori in mio possesso tranne che per l’aranciato. È piacevole sulle labbra, si sente appena stesa ma si asciuga relativamente in fretta e io mi dimentico veloce di averli applicati. L’aranciato è quello decisamente più *appiccicoso* e meno confortevole all’inizio. Con questo devo stare attenta a mettere meno prodotto perché se no non si asciuga più e mi fa innervosire da morire. 
Lo so, sempre un atteggiamento maturo.
Ora parliamo delle caratteristiche per cui mi sono innamorata dei liquid ink e per cui sarei in pace anche se ritirassero dal mercato tutti i prodotti labbra e rimanessero solo questi: tenuta e durata.
Posso mangiare qualsiasi cosa  -anche cose che non dovrei mangiare per evitare di lamentarmi della pancetta da eccesso di carboidrati, cose unte, tutto- e non mollano. Zero, davvero.
Nemmeno nella zona più interna. Posso bere troppo gin tonic, acqua, tisane, fit tea -scherzone, non ce l’ho-, fumare troppe sigarette, pomiciare come se avessi ancora quattordici anni: non si spostano.
Una volta perfettamente asciugate sono anche no transfer, cosa che mi rende molto felice.
Quando lascio i segni dei rossetti su bicchieri tazze e tazzine al mio ristorante rischio sempre che mio fratello me li tiri dietro, quindi grande conquista.
Non saprei dirvi se se ne vanno in modo uniforme perché su di me non se ne vanno mai.
La durata è veramente spaventosa. Probabilmente c’è dentro un componente che ha fatto un patto con il diavolo ma WHO CARES!
Mi durano tutte tutto il giorno. Non è un modo di dire, davvero.
Posso metterle al mattino alle 8 e qualcosa e la sera dopo le dieci sono ancora intatte e da struccare. La più resistente, su di me, è quella fucsia.
Mi è capitato di struccarmi al volo e dimenticare praticamente le labbra: la mattina dopo era ancora lì.
Immaginatevi che carina, capelli in aria occhiaie e bocca truccata.
Un’altra cosa assolutamente positiva è che non mi disidratano da morire la bocca. Non solo se li tenete un giorno non danno segni di seccare, anche usate più giorni di fila non mi danno particolari problemi.
Io ogni caso durante la giornata ogni tanto un burro cacao sopra glielo metto a volte, non altera né il colore né la durata. La sera dopo essermi struccata uso sempre sulle labbra qualcosa di molto idratante e a breve ricomincerò ad utilizzare l’acido ialuronico anche per quelle.
Non ci sono ancora le temperature polari dell’inverno ma diciamo che ci sono ottime premesse perché la bocca non mi cada a pezzi.
Insomma, io questi rossetti li adoro. Non dico ovviamente che debbano durare così tanto a tutte voi né che le performance siano sicuramente così esaltanti per tutte.
Però Maybelline è un marchio abbastanza abbordabile -tranne in qualche pazzo caso da 16 euro a tinta in qualche punto vendita- e penso che se c’è un colore nelle vostre corde val la pena di fare una prova.
Ora che ho fatto il mio primo post sui rossetti liquidi vorrei farne altri mille altri, mi esalta proprio come tema. Avete preferenze tra Jeffree Star, Nabla Cosmetics, LA Splash e qualche altro marchio che avete visto tra i miei instagram e facebook negli ultimi mesi? Voglio parlarvi anche di rossetti a lunghissima durata in generale -Mulac penso a te sì-.
Voi questi li avete provati?