Per diversi anni la matita nera è stata il mio alleato più fedele per il trucco di tutti i giorni.
Tra l'altro forse dovrei fare un post sulla falsariga di quei video YouTube sul trucco da liceo, potremmo farci grandi risate.
Dicevo, la matita nera.
Parte fondamentale del rito di preparazione di ogni mattina da quando ho iniziato a truccarmi, rigorosamente sempre nella rima interna e a volte anche sulla palpebra mobile.
Per la palpebra mobile ho fatto l'upgrade all'eyeliner ma nella rima interna amo ancora -quasi- solo lei.
Mi capita di non mettere nulla nella rima interna o di mettere una matita nude o colorata (marrone o borgogna, non immaginatevi cose strane) ma ragazze, mi sento proprio nuda.
Dopo anni in cui ho usato più o meno qualsiasi cosa mi capitasse a tiro ho iniziato poi a essere un po' più selettiva e a desiderare qualcosa che durasse diverso tempo e non mi colasse fino alle ginocchia dopo qualche ora.
Grandi soddisfazioni le ho avute con l'Artist Liner M-10 di Makeup Forever di cui vi parlo oggi.


L'ho acquistata alla Truccheria di Bologna ed è stato uno degli acquisti migliori di sempre.
Lì mi sono resa conto che probabilmente la conosce -e utilizza e ama- tutto il mondo tranne me ma meglio tardi che mai.
È una matita retrattile, con una punta decisamente piccola.
Entrambe le cose, per quanto mi riguarda, costituiscono due punti di forza. Adoro non doverla temperare -non ho mai il temperino a portata di mano quando mi serve- e la punta piccola mi consente di fare lavori più precisi nonostante la precisione non sia decisamente una delle mie doti migliori.




Il colore è nero ma nero come si deve.
Ho avuto decine di matite nere che tendevano quasi al grigio e no, non fanno per me.
È molto nera anche nell'interno dell'occhio e lo rimane, non si sbiadisce il colore con il passare del tempo.
Da applicare è veramente un piacere. Ha una formula estremamente setosa e non dà per nulla fastidio nella rima interna.
Una volta applicata si asciuga molto in fretta, non rendendola la matita ideale da usare come base per uno smokey a meno che non riusciate a sfumarla alla velocità della luce.
La velocità non mi appartiene decisamente quando mi trucco quindi preferisco utilizzare qualche altro prodotto.
La punta così piccola fa sì che si potrebbe utilizzare come alternativa all'eyeliner sulla palpebra mobile. A me è capitato di farlo quando avevo cacciato giusto un paio di cose in un beauty per truccarmi di corsa e non funziona male devo dire.
Data la mia scarsa manualità però preferisco decisamente utilizzare un eyeliner tradizionale per ottenere un risultato più preciso e pulito.
Ma arriviamo alla domanda fondamentale quando si parla di matite nere.
Dura? Ce la troviamo sbavata al primo accenno di vento? Se ne va a chiazze e sembriamo panda mal truccati?
Dura e dura tantissimo e dura perfetta.
Non si smuove praticamente mai dalla mia rima interna, non fa brutti aloni sotto l'occhio né se ne va a pezzi dando quel brutto effetto trascurato. O bello, se siete Courtney Love.
Inizia a cedere dopo più di tredici ore (lo so che non si dovrebbe rimanere truccate tante ore ma se avete apertura alle 6:30 e rimanete fino a chiusura i calcoli si fanno presto) e anche in quel caso se ne va in modo discreto e senza fare schifezze.
L'unica altra matita con cui mi trovo altrettanto bene è la Bombay Black di Nabla Cosmetics.
Adoro quella matita ma con entrambe quelle che ho avuto ho riscontrato lo stesso problema, la mina che dopo un po' si spezza e sembra non scrivere più.
Qual è la vostra matita nera preferita? Anche voi avete passato anni di adolescenza a consumare matite per gli occhi più velocemente di quelle per la scuola?